imagesE’ stato pubblicato il rapporto annuale di Europol (l’ufficio europeo di polizia con sede all’Aja), e in particolare dello European Cybercrime Centre, sui crimini via web (iocta). Il rapporto 2016, intitolato”Internet Organised Crime Threat Assessment” evidenzia una crescente aggressività e un incremento del crimine via web, con la rete sempre più utilizzata per compiere altri reati e, in particolare, il traffico di esseri umani e il terrorismo. In alcuni Stati il cybercrime ha sorpassato i casi di crimini tradizionali. Nel 2016 sono stati compiuti numerosi attacchi dolosi a network pubblici e privati, si è verificato un incremento delle frodi legate alle carte di credito e attacchi alle infrastrutture critiche, con una diffusione del phishing. Allarme anche per la cyber jihad con internet utilizzato come strumento principale per la radicalizzazione dei foreign fighters.

Scritto in: cooperazione di polizia | in data: 18 dicembre 2016 |
Parole Chiave: //

Evitare sovrapposizioni e favorire il riconoscimento delle attività di formazione. Va in questa direzione il regolamento. n. 2015/2219 del 25 novembre 2015 sull’Agenzia dell’Unione europea per la formazione delle autorità di contrasto (CEPOL) e che sostituisce e abroga la decisione 2005/681/GAI del Consiglio (Cepol). In particolare, il nuovo regolamento punta a realizzare e coordinare le attività di formazione a vantaggio dei funzionari delle autorità di contrasto, mettendo in primo piano la tutela dei diritti umani e delle libertà fondamentali “nell’ambito delle attività di contrasto, in particolare nel settore della prevenzione e della lotta contro la criminalità grave che interessa due o più Stati membri e il terrorismo, del mantenimento dell’ordine pubblico, in particolare le operazioni di polizia internazionali in occasione di eventi di primo piano”. Oltre ad aggiornare la base giuridica (articolo 87 sulla cooperazione di polizia), il nuovo testo è centrale per il restyling della governance Il regolamento è applicabile dal 1° luglio 2016 salvo per gli articoli 37, 38 e 39 che si applicano a decorrere dal 24 dicembre 2015.

Scritto in: cooperazione di polizia | in data: 7 dicembre 2015 |
Parole Chiave: //